Casimiro de Brito
 
Casimiro de Brito, poeta, romanziere e saggista, è nato a Loulé, in Portogallo, nel 1938.
Per aicuni anni è stato dirigente bancario a Lisbona, dove vive.
Condirettore dei “Cadernos do Meio-Dia” (1958-1960), ha partecipato attivamente al movimento “Poesia 61”.
È stato presidente della “Association Europénne pour la Promotion de la Poésie”.
È stato presidente del Pen Club portoghese.
Ha pubblicato romanzi, racconti e i seguenti volumi di poesia:
Poema da solidão imperfeita
(1957), Sete poemas rebeldes e Carta a Pablo Picasso (1958), Telegramas (1959), Canto Adolescente (1961), Jardins de Guerra (1966), Vietname, em nome da Liberdade (1968), Mesa do Amor (1970), Negação da morte (1974), Corpo sitiado (1976), Zen Zénites (1979), Labyrinthus (1981) Regresso à Fonte (1981), Ode & Ceia (1985), Nem Senhor nem Servo (1986), Duas Águas, um Rio (con A. Ramos Rosa, 1989), Subitamente o Silêncio (1991), Intensidades (1995), Opus Affettuoso (1997), Pouco de pouco (1999), O Amor, a morte e outros vícios (1999), Na via do Mestre (2000), Arte Pobre (2000), Da frágil sabedoria (2001), Livro das

Quedas (2005), Música do Mundo (São Paulo, 2006) Fragmentos de Babel (2007), Através do Ar (Tókyo, 2007), Arte de Bem Morrer (2007), etc.
In Italia Casimiro de Brito ha vinto il Premio Intemazionale Viareggio nel 1985 ed il Premio Europeo de Poesia Sibilla Aleramo/Mario Luzi nel 2004, con il Libro delle Cadute).
Compare nell’ Antologia Poeti Portoghesi Contemporanei (Veneza 1999) e nell’Antologia della Poesia Portoghese e Brasiliana, diretta da Luciana Stegagno Picchio (La Biblioteca di Repubblica, Roma 2004).
Casimiro de Brito è stato più volte ospite a Napoli dell’Università degli Studi “L’Orientale”; in particolare ha preso parte ai lavori del Congresso Internazionale “Portogallo e Asia”  con la sua testimonianza interessantissima sul rapporto costante e vivace con la cultura giapponese.